Select Page

Emozioni, relazioni e apprendimento nell’era digitale

Nuove modalità di apprendimento e abilità dei nativi digitali
Dossier @storia: la storia nell’era digitale, pubblicato sul numero 1, dicembre 2013.

Relazione sull’intervento di Michele Facci: Emozioni, relazioni e apprendimento nell’era digitale.

Abstract

Il relatore analizza il mutamento degli stili e delle modalità di apprendimento, mettendo in confronto i comportamenti tra bambini di momenti diversi della storia recente. Prende quindi in considerazione alcune problematiche come le diverse abilità che caratterizzano i nativi digitali, sottolineando la necessità dell’elaborazione di nuovi modelli educativi che prendano in considerazione l’importanza che presso i nostri discenti ha assunto l’ambiente digitale.


Incipit dell’intervento di Michele Facci:

L’era digitale nella storia

La mia relazione potrebbe provocatoriamente essere vista invertendo il titolo del convegno: l’era digitale nella storia, ovvero come nella storia della psicologia umana si colloca l’era digitale. Non intendo inoltre parlare di nuove tecnologie, semplicemente perché queste non sono tali specie per i ragazzi di oggi; parlerò piuttosto di tecnologie, di come e se sono cambiati gli stili di apprendimento, comunicazione e socializzazione tra i giovani. Partirei da Facebook e dai timori che suscita: ci sono sempre pregiudizi verso giovani e tecnologie; non mi piace che si tenda a creare una cultura della paura. I cambiamenti cognitivi avvenuti soprattutto nei bambini sono molto legati anche ai pericoli, ma non voglio che si demonizzi il mezzo; è vero piuttosto che lo usiamo male.

Un confronto

Si pensi alle differenze tra un bambino nato oggi e uno nato 50-60 anni fa; il cervello di questi due bambini è diverso nello sviluppo, perché è qui che sono cambiate le cose, ma il nativo digitale è ancora un homo sapiens. Un bambino di 3 anni, 50 anni fa, era attratto da certi rumori, ad esempio le pentole adoperate dalla mamma in cucina; oggi viene più attratto dalla tv, perché il cervello umano è attratto dallo stimolo più intrigante e interessante. Ancora: 40-50 anni fa nonni e genitori raccontavano ai bambini delle fiabe; oggi, solo l’8% del mondo degli educatori lo fa. Il bambino di allora ascoltava, sviluppava la propria capacità di ascolto, di gestione delle emozioni e della paura, un’immaginazione creativa, ma anche l’attesa, la gestione del tempo; oggi un bambino di 6 anni non ascolta fiabe, tuttavia, seguendo la TV o internet, alcune capacità cognitive non si sviluppano, ma altre sì: la memoria, la ricerca viso-spaziale e altre funzioni… Così, all’ingresso a scuola, se un bambino di 50 anni fa, nell’accostarsi a un maestro era abituato a sentire un adulto parlare; oggi, non essendoci più questa consuetudine, un ragazzino entra a scuola per trovarvi un insegnante che gli parla per 6 ore, senza che possa “spegnerlo” o “cambiare canale”, cosa che però rientra nello stile cognitivo del bambino! Tanti insegnanti, perciò, dicono che i bambini sono iperattivi, ma non è così. E nella didattica dell’era digitale si pone una sfida molto importante per gli insegnanti. Un altro esempio: a 10,11, 12 anni, alle scuole medie, nella preadolescenza, i ragazzi si avvicinano ad alcune tematiche: sessualità, amore, emozioni. Un tempo, magari all’oratorio, un ragazzino poteva incontrare qualcuno da cui rimaneva colpito, provava a parlarci, cercava di instaurare una relazione ed era faticoso. Oggi c’è uno strumento come facebook (ovvero “catalogo”) per cui è assai facile “sfogliare” il catalogo e vedere che fa un ragazzo: viene meno la mediazione data dal tempo, ma anche l’approccio alla sessualità: basta scrivere una parola come ad esempio “mele” su google e vi troverete il mondo! L’accesso alla sessualità è assai più facile per non dire della scuola. Ancora, per scrivere la vostra tesi, avrete dovuto prendere un treno, girare per delle biblioteche, scrivere; oggi tutto ciò non serve più, c’è tutto in internet, la fatica viene meno e si passa al più facile “copia e incolla”. Baumann sostiene che il problema non è tanto la società liquida ma orientarsi davanti a questa mole di informazioni: la scuola deve appunto aiutare a orientare.

Ascolto e attenzione

Questi sono cambiamenti evidenti, che nascondono un cambiamento cognitivo molto importante: la generazione di oggi è meno predisposta all’ascolto e al confronto, all’esame orale i ragazzi vanno molto in difficoltà, sono più propensi a scriversi piuttosto che a parlarsi, passano ore su social networks, giochi on line, ecc. Per giunta, nella loro scrittura ordinaria internet e gli SMS hanno portato le abbreviazioni, ma hanno modificato anche la struttura logica del testo. Tuttavia, la loro capacità di orientarsi nello spazio digitale è immenso rispetto alla nostra, hanno sviluppato un’abilità di learning by doing e sono abilissimi nel multitasking, che non dobbiamo temere. Il ragazzino che oggi studia ascoltanto l’I-pod, si concentra egualmente, cosa che è molto studiata dagli neuro scienziati, perché l’attenzione è un’abilità cognitiva importante e le ricerche ci dicono che il multitasking non implica scarsa attenzione, anche se questo va insegnato e moderato. Per questo, ci sono tre opzioni: negare il digitale a scuola; trasferire tutta la didattica nella tecnologia; una strada più equilibrata di integrazione. L’approccio dev’essere integrativo, non possiamo cioè chiedere ai ragazzi di non fare cose che fanno nella loro quotidianità. In quanto all’equilibrio – uno psicologo americano parla di approccio ecologico alla tecnologia –, la scuola ha una mission educativa per cui deve sviluppare tutte le attività cognitive dei ragazzi. C’è poi il problema delle emozioni: i ragazzi di oggi non vedono nell’insegnante una figura autoritaria-autorevole come un tempo, né la famiglia vi contribuisce. Un tempo la didattica si fondava sulla trasmissione orale, la trasmissione del sapere era diretta. Se il ragazzino capisce che, dal punto di vista cognitivo, il concetto di autorità sta nella rete non posso combattere arrabbiandomi con lui, ma devo iniziare a far capire che quanto si trova in internet può essere sbagliato e che internet non è uno strumento ma un ambiente, una struttura generata da infinità di connessioni virtuali, mentre la memoria lo è. Se facciamo nostre queste consapevolezze, se capiamo che internet è un ambiente, il passo successivo è far capire che bisogna introdurvi delle regole; tuttavia, le ricerche ci dicono che non si fa questo ragionamento nell’ambiente internet. Un esempio sul concetto di autorità: mentre un tempo un’intera rete sociale, magari anche sbagliando modalità, sosteneva una persona anoressica dicendogli che l’anoressia andava combattuta, oggi in internet quella stessa persona troverà centinaia di migliaia di contatti di soggetti come lui che sosterranno che a sbagliare sono gli altri: è tragico, ma dal punto di vista cognitivo ha ragione lui. Quanto manca oggi è la trasmissione del valore della relazione. Quelli che facebook chiama “friends” non lo sono, sono contatti; ciò che chiamiamo conoscenza su internet non lo è, è informazione … il problema non è facebook ma come lo si utilizza e il fatto che nessuno educa ragazzi caratterizzati da stili cognitivi e di apprendimento tanto diversi dai nostri. Non lo facciamo perché nessuno lo ha fatto con noi, manca modello educativo di riferimento.

Identità e senso critico

La costruzione dell’identità è sempre in movimento, ma oggi ne abbiamo anche una digitale, che non va contrapposta a quella concreta. Il fatto è che l’identità digitale non viene costruita solo da noi, ma anche da quello che gli altri dicono di noi, così che gli altri si fanno un’idea di noi senza conoscerci. Anche nella didattica c’è una variazione: al manuale si contrappongono i materiali che troviamo in rete – l’archivio storico di un quotidiano, ad esempio – che incidono sulla percezione della verità. Oggi si lancia senza riguardi una notizia apparsa in facebook e questa diviene vera, nessuno ne verifica la fondatezza. Questo perché manca il senso critico. In realtà internet ha diffuso a un grande senso critico, con la messa in rete di milioni di documenti, e questo è un paradosso storico. All’insegnante oggi spetta soprattutto favorire lo sviluppo del senso critico, interessa sviluppare le competenze per arrivare al contenuto, per orientarsi nella mole di informazioni che si trovano nella rete. Un altro problema è quello relativo alla memoria: o piuttosto alle capacità di attenzione, perché la prima è legata alla seconda. Se la mia attenzione si disperde, la mia memorizzazione scarseggia; per lavorare su questa, occorre far ricorso alle emozioni. Per far sì che non si usi il cellulare in classe, basta ricorrere a un esempio per far capire che quando questo avvenga, l’insegnante ci rimane male, come un amico che non ci ascolta perché sta contemporaneamente utilizzando il telefonino.

Una riflessione finale

Su internet non si scrive a matita, ma con l’inchiostro: lo sviluppo del senso critico non serve solo a favorire l’apprendimento, ma ad aiutare i ragazzi a orientarsi nell’ambiente internet e nella loro vita.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dati articolo

Autore:
Titolo: Emozioni, relazioni e apprendimento nell’era digitale
DOI: 10.12977/nov5
Parole chiave: , , ,
Numero della rivista: n. 1, dicembre 2013
ISSN: ISSN 2283-6837

Come citarlo: , Emozioni, relazioni e apprendimento nell’era digitale, Novecento.org, n. 1, 2013. DOI: 10.12977/nov5

INDICI

n. 8, agosto 2017
DOSSIER "ITALIA DIDATTICA"
PENSARE LA DIDATTICA
USO PUBBLICO DELLA STORIA
DIDATTICA IN CLASSE
IPERMUSEO
n. 7, febbraio 2017
Italia repubblicana, 70 anni di storia da insegnare Dossier del n. 7 della rivista
La violenza di stato nel Novecento: lager e gulag Dossier del n. 7 della rivista
Pensare la didattica
Uso pubblico della storia
Didattica in classe
n. 6, luglio 2016
Il genocidio armeno Dossier del n. 6 della rivista
La linea gotica fra ricerca e didattica Dossier del n. 6 della rivista
Pensare la didattica
Uso pubblico della storia
Didattica in classe
Ipermuseo
n. 5, gennaio 2016
Editoriale
Didattica della storia e laboratori digitali: la guerra dei Trent’anni (1914-1945) Dossier del n. 5 della rivista
Le relazioni
I laboratori
I gruppi
Pensare la didattica
Uso pubblico della storia
Didattica in classe
Dossier "Le Pietre d'inciampo in Italia"
Ipermuseo
n. 4, luglio 2015
Pensare la didattica
Didattica in classe
Dossier "Mediterraneo contemporaneo"
Sguardi sul Mediterraneo Gli studi di caso
Uso pubblico della storia
n. 3, gennaio 2015
Pensare la didattica
Didattica in classe
Dossier "Le risorse didattiche digitali su Resistenza e seconda guerra mondiale"
Uso pubblico della storia
Ipermuseo
n. 2, giugno 2014
Pensare la didattica
Didattica in classe
Dossier: "Le grandi crisi del mondo contemporaneo"

A cura di Carla Marcellini e Giovanni Palmieri

Uso pubblico della storia
Ipermuseo
n. 1, dicembre 2013
LA STORIA NELL’ERA DIGITALE
PENSARE LA DIDATTICA
USO PUBBLICO DELLA STORIA
DIDATTICA IN CLASSE
IPERMUSEO

Iniziative didattiche della rete INSMLI