Select Page

Fonti e memoria del genocidio

fonti e memoria del genocidio armeno

The eternal flame at the Tsitsernakaberd Memorial in Yerevan, Ar – By Սէրուժ Ուրիշեան (Serouj Ourishian) – Own work, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=32381101

Il dramma della diaspora

Gli armeni sono da sempre raccontati come una popolazione abituata a doversi ingegnare per sopravvivere e disposta a cedere alla fedeltà come compromesso, infatti quando si e` scatenata la guerra della Turchia contro la Russia, gli Armeni in Turchia erano disposti a combattere contro gli armeni in Russia.

Gli armeni vivevano in modo tranquillo e avevano raggiunto un certo livello di integrazione, quello che accadde in Cilicia fu una sorta di “fulmine a ciel sereno”.

Il problema delle fonti

Nell’Ottocento le fonti in Italia sull’Armenia erano limitatissime. Nel 1878 l’Italia s’interessa di quello che sta succedendo nell’Impero ottomano in concomitanza con il Congresso di Berlino, vengono inviati diplomatici che iniziano a scrivere dell’Armenia. Negli archivi del Ministero degli esteri italiano sono conservati almeno 10.000 documenti che vanno dal 1890 al 1923 in via di pubblicazione, sarebbe interessante incrociare queste informazioni con quelle della diplomazia di altri paesi europei.

L’Italia e gli armeni

Dal 1915 al 1918 gli armeni in Italia si uniscono per fondare una istituzione di armeni fedeli allo Stato italiano. In questi anni il periodico “Armenia” fornisce informazioni su quello che sta avvenendo in Anatolia ma anche documentazione sulla storia del popolo armeno e sui maggiori esponenti dell’arte e della cultura.

Nel 1929 l’Enciclopedia Treccani pubblica il quarto volume e alla voce “Armenia” dedica quaranta pagine per illustrare storia, religione e arte, ma del genocidio si parla in poche righe limitandosi a dire che “gli armeni che contavano nel 1913 all’incirca un milione e mezzo di individui non siano oggi più di 100.000”

Poi nel 1938-40 per iniziativa di un funzionario fascista che aveva ricevuto il mandato di cercare e creare alleanze con le minoranze nazionali, matura l’idea di promuovere un’iniziativa editoriale congiunta italo-armena che renda più visibile la realtà armena nel contesto italiano: verranno pubblicati saggi sulla poesia armena, ma nulla sul genocidio.

Il primo testo significativo sul genocidio armeno in italiano è stato scritto da Marcello Flores alla fine degli anni Novanta.

Fonti internet consigliate:

In inglese

  • wikipedia nella versione inglese
  • Armenian national Institute

In italiano

  • Comunitaarmena.it
  • Italiarmenia.it
Percorsi di ricerca:
  1. Volumi in pubblicazione dei documenti diplomatici italiani.
  2. Gabriella Uluhogian, Gli armeni, Il Mulino, Bologna 2015.
  3. Marcello Flores, Il genocidio degli armeni, Il Mulino, Bologna 2007.
“Fonti delle memorie” (definizione del relatore)

Nel 1935 Mondadori traduce I quaranta giorni del Mussa Dogh di Franz Werfel che racconta le vicende di un gruppo di armeni che nell’estate del 1915 organizza una strenua resistenza contro le forze turche.

Nel 1940 esce in Italia Che ve ne sembra dell’America di William Saroyan, figlio di armeni fuggiti a Los Angeles: vi si narrano le esperienze di chi, profugo, è riuscito a sottrarsi alle maggiori tragedie, ma si trova “gettato” entro contesti linguistici e culturali nuovi e sconosciuti.

Nel 1947 esce in Italia la traduzione il racconto autobiografico Chiedo a voi signore e signori dell’armeno Leon Surmelian, uno dei tanti fanciulli armeni riusciti a sottrarsi alla morte.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dati articolo

Autore:
Titolo: Fonti e memoria del genocidio
DOI: 10.12977/nov120
Parole chiave: , , ,
Numero della rivista: n. 6, luglio 2016
ISSN: ISSN 2283-6837

Come citarlo: , Fonti e memoria del genocidio, Novecento.org, n. 6, luglio 2016. DOI: 10.12977/nov120

INDICI

n. 8, agosto 2017
DOSSIER "ITALIA DIDATTICA"
PENSARE LA DIDATTICA
USO PUBBLICO DELLA STORIA
DIDATTICA IN CLASSE
IPERMUSEO
n. 7, febbraio 2017
Italia repubblicana, 70 anni di storia da insegnare Dossier del n. 7 della rivista
La violenza di stato nel Novecento: lager e gulag Dossier del n. 7 della rivista
Pensare la didattica
Uso pubblico della storia
Didattica in classe
n. 6, luglio 2016
Il genocidio armeno Dossier del n. 6 della rivista
La linea gotica fra ricerca e didattica Dossier del n. 6 della rivista
Pensare la didattica
Uso pubblico della storia
Didattica in classe
Ipermuseo
n. 5, gennaio 2016
Editoriale
Didattica della storia e laboratori digitali: la guerra dei Trent’anni (1914-1945) Dossier del n. 5 della rivista
Le relazioni
I laboratori
I gruppi
Pensare la didattica
Uso pubblico della storia
Didattica in classe
Dossier "Le Pietre d'inciampo in Italia"
Ipermuseo
n. 4, luglio 2015
Pensare la didattica
Didattica in classe
Dossier "Mediterraneo contemporaneo"
Sguardi sul Mediterraneo Gli studi di caso
Uso pubblico della storia
n. 3, gennaio 2015
Pensare la didattica
Didattica in classe
Dossier "Le risorse didattiche digitali su Resistenza e seconda guerra mondiale"
Uso pubblico della storia
Ipermuseo
n. 2, giugno 2014
Pensare la didattica
Didattica in classe
Dossier: "Le grandi crisi del mondo contemporaneo"

A cura di Carla Marcellini e Giovanni Palmieri

Uso pubblico della storia
Ipermuseo
n. 1, dicembre 2013
LA STORIA NELL’ERA DIGITALE
PENSARE LA DIDATTICA
USO PUBBLICO DELLA STORIA
DIDATTICA IN CLASSE
IPERMUSEO

Iniziative didattiche della rete INSMLI