Rivista dell'Istituto Nazionale Ferruccio Parri

La grande guerra nello specchio del Liceo

Print Friendly
Share on Google+
La grande guerra nello specchio del Liceo

6 feb 2017

Il centenario della prima guerra mondiale ha dato stimolo a molte nuove ricerche, non solo relative agli eventi militari, ma anche alla vita delle popolazioni civili e agli effetti sul territorio. Verona, piazzaforte militare per antica tradizione, zona di guerra fin dall’inizio del conflitto e poi, più drammaticamente, zona di operazioni dopo Caporetto, presenta tutta la complessità di una provincia che se non è, come altre zone del Veneto, direttamente impegnata sulla prima linea del fronte, è comunque toccata da vicino e profondamente coinvolta negli eventi bellici. In questo contesto, si è deciso di concentrare l’attenzione sul rapporto tra la città e la sua scuola più prestigiosa, il Liceo Maffei, istituzione già all’epoca più che centenaria e luogo di incontro tra società, cultura e formazione; un osservatorio inusuale, ma in grado di offrire uno sguardo significativo sulla dimensione sociale e culturale degli eventi e sulla loro ricaduta nella vita dei singoli e della comunità. Nata dalla convergenza di intenti tra il Liceo e l’Istituto di storia della Resistenza e dell’età contemporanea di Verona, la mostra è stata resa possibile dall’esistenza, presso il Liceo, di un archivio storico molto ricco, che ha ricevuto recentemente dalla Regione Veneto il riconoscimento di “interesse locale”.  Sulla base dei documenti in esso contenuti, Agata La Terza e Manuela Tommasi – autrici, con Nadia Olivieri, della mostra – avevano già realizzato il libro La guerra nello specchio del Liceo, pubblicato nel 2014 per i tipi di Scripta edizioni.

link

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>