Select Page

L’uso delle immagini del genocidio armeno

immagini storiche del genocidio armeno

By en:American Committee for Relief in the Near Eastfrom usa gov site.REPRODUCTION NUMBER: LC-DIG-ggbain-26556 (digital file from original negative) RIGHTS INFORMATION: No known restrictions on publication.MEDIUM: 1 negative : glass ; 5 x 7 in. or smaller., Public Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=9462245

Possibile confusione tra l’uso storico e l’uso simbolico dei documenti fotografici

Solo in occasione del cinquantesimo anniversario del genocidio armeno si inizia a sviluppare una nuova attenzione da parte delle comunità armene disperse negli Stati Uniti e in Francia nei confronti delle fotografie utilizzate come fonti storiche. Si inizia ad assumere una sempre maggiore consapevolezza sul fatto che le immagini fotografiche non possono essere utilizzate ingenuamente e che anzi il documento fotografico può essere usato in modo improprio per veicolare una arbitraria interpretazione dei fatti.

Il negazionismo

Il lunghissimo periodo di tempo che va dal Congresso di Berlino alla Prima guerra mondiale e alla nascita della Repubblica armena è ampiamente documentato da immagini fotografiche; tuttavia non sempre è agevole riuscire a ricostruire il rapporto corretto tra le immagini e gli eventi.

Il negazionismo si sviluppa negli stessi mesi in cui si attua il genocidio: sono distribuite nelle diverse sedi diplomatiche occidentali degli album fotografici mediante i quali si intende mostrare come gli armeni stessero tramando contro i turchi. Ci sono alcune foto preparate ad arte in cui si vedono armeni intenti nella raccolta di armi. Queste foto furono diffuse appositamente per giustificare gli atti criminali che si stavano compiendo ai danni degli armeni.

Internet e l’uso delle immagini

Si nota ultimamente una maggiore consapevolezza nell’uso delle immagini: fino a pochi anni fa nei vari siti era normale trovare una sezione dedicata alle immagini; oggi si è divenuti coscienti che proporre immagini implica una validazione scientifica che è l’unico strumento per impedire ai negazionisti di utilizzare in modo distorto e falsificante i documenti fotografici.

Uso delle immagini nei siti che riconoscono il genocidio armeno

www.armeniapedia.org è una enciclopedia dedicata all’Armenia che presenta una sezione dedicata al genocidio corredata di immagini tra le quali quelle di Armin Wegner che costituiscono probabilmente il nucleo di documentazione fotografica più importante in relazione al genocidio armeno. Nello stesso sito si incontrano anche immagini dotate di referenze non corrette o di dubbia autenticità.

Il sito internet dell’Armenian National Institute (http://www.armenian-genocide.org) presenta due collezioni fotografiche (di Armin Wegner e John Elder) e mostre online tematiche dedicate al centenario del genocidio.

Il sito del Museo armeno di Jerevan (http://www.genocide-museum.am) presenta mostre online tematiche dedicate non soltanto al genocidio ma anche, per esempio, alle storie dei profughi armeni nel periodo immediatamente successivo al genocidio.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rivista dell’Istituto nazionale Ferruccio Parri

Istituto nazionale Ferruccio Parri

Dati articolo

Autore:
Titolo: L’uso delle immagini del genocidio armeno
DOI: 10.12977/nov121
Parole chiave: , ,
Numero della rivista: n. 6, luglio 2016
ISSN: ISSN 2283-6837

Come citarlo: , L’uso delle immagini del genocidio armeno, Novecento.org, n. 6, luglio 2016. DOI: 10.12977/nov121

ITALIA CONTEMPORANEA